Salve! Non sei ancora registrato al sito? Registrati. Se invece ti sei già registrato accedi.

Ecco in allegato la Guida dell’Agenzia delle Entrate sulle detrazioni fiscali nelle ristrutturazioni. In pratica si parla del 36% per le spese di ristrutturazione che si può scaricare nella Dichiarazione dei redditi. La versione è quella aggiornata a ottobre 2010 e porta il titolo «Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali». Riporta in maniera alquanto ordinata e precisa le novità introdotte dagli ultimi interventi normativi e di prassi. In questa sede va ricordato che il termine per fruire della detrazione del 36% delle spese sostenute per lavori di recupero e ristrutturazione del patrimonio edilizio è stato prorogato al 31/12/2012 dalla Finanziaria 2010 (Legge 191/2009).In allegato la guida da scaricare.

  GUIDA_ristrutturazioni_agevolazioni_fiscali.pdf (860,1 KiB, 2.314 download)

Scritto il 13/02/2011 da Ufficio stampa | 6 Commenti

6 commenti.

  1. nino16 scrive:

    Possono essere incluse anche le spese ordinarie (elencate nella guida delle agenzia delle entrate).
    Se l’amministratore non le ha certificate che si può fare, grazie

  2. Paolo scrive:

    Lo stabile in cui vivo è sottoposto a lavori di recupero edilizio della facciata. Nel mese di settembre 2011 abbiamo cambiato amministratore a causa di cattiva gestione dell’uscente. Il vecchio amministratore nel 2011 per l’anno 2010 ha rilasciato relativa certificazione per gli sgravi fiscali del 36 % ad ogni condomino. Qualche giorno fa, con e_mail, perchè così vuole l’amministratore, ho richiesto all’amministrazione tale certificazione per la tranche di lavori eseguiti nel 2011. L’ammiinstratore ha risposto che egli certificherà solo quello che è di sua competenza dal momento in cui ha assunto l’amministrazione perchè, scrive, che l’assemblea del mese di ottobre 2011 non ha approvato il bilancio e la documentazione è incompleta e che per avere tale certificazione bisogna rivolgersi al precedente amministratore. Faccio presente che nella predetta assemblea i condomini non hanno accettato la documentazione di bilancio ordinario presentato dall’amministratore uscente e sottoposta a delibera dell’assemblea dal nuovo amministratrore, inoltre, non ha accettato il quadro riassuntivo di quanto versato alla Ditta esecutrice dei lavori, al direttore dei lavori ed all’uffico tributi per l’occupazione di suolo pubblico perchè poco chiaro, ma , nel contempo, ha approvato il quadro specifico in cui veninvano elencati i versamenti per rata fatti da ogni singolo condomino all’amministrazione fino alla 24° rata, quadro già approvato in un’assemblea del mese di luglio 2011 con il vecchio ammiistratore. Per certo, relativamente ai lavori straordinari, quindi si sa: 1. quanto ogni singolo condomino ha versato all’amministrazione, approvato dall’assemblea di cui sopra e rafforzato dall’esistenza delle ricevute di pagamento; 2. i bonifici con i quali è stata pagata l’impresa per il 2011: 3. gli stati di avanzamento dei lavori in base ai quali è stata pagata l’impresa. 4. non si è mai discusso in assemblea un bilancio dei lavori straordinari ancora in corso d’opera nè con il vecchio amministratore, nè con il nuovo, Stando quanto sopra desidererei sapere se: 1. l’amministratore attuale è tenuto a certificare solo quello che riguarda la sua amministrazione: 2. se ha , invece, l’obbligo di certificare tutto l’anno 2011 in base: alla sua documentazione, anche se incompleta come ha dichiarato ad un altro condomino, a quello deliberato in assemblea relativamente ai miei versamenti fatti all’amministrazione durante il 2011 dimostrabili con ricevuta ed eventuali fotocopie di assegni, ai bonifici bancari con iquali è stata pagata l’impresa e che sono comunque reperibili presso la vecchia banca 3 avendo l’obbligo giuridico di rilasciare tale certificazione in base a quali normative posso io obbligare l’amministratrore a certificare tutto quanto riguarda l’anno solare 2011 (ovvero vecchia gestione e sua gestione). restando in attesa di una cortese risposta
    Ringrazio Paolo

    • Umberto AnitoriUmberto Anitori scrive:

      L’amministratore è tenuto a certficare tutta la gestione 2011, a condizione che ne abbia ricevuto la documentazione. Il calcolo delle somme detraibili da ciascun condomino va effettuato sulla base degli importi realmente bonoficati all’impresa, alla Direzione Lavori, alla Esattoria Comunale per l’occupazione suolo e quant’altro speso per i suddetti lavori. Qualora il vecchio amministratore non avesse consegnato la relativa documentazione, il nuovo, se non lo ha già fatto, dovrà attivarsi per ottenerla nel più breve tempo possibile anche ricorrendo ad un sequestro giudiziario, in quanto l’unico che può firmare la dichiarazione alla data odierna è il nuovo amministratore.
      Umberto Anitori

  3. pietro pannella scrive:

    vorrei sapere se si puo detrarre dal 36 per cento per quanto concerne lavori di manutenzione straordinaria al Condominio per euro 83.000, anche i compensi all’Amministratore, al tecnico direttore dei lavori, e oneri di concessione DIA E S.C.I.A. al Comune di Casalnuovo di Napoli, regolarmente deliberati e versato all’amministratore a mano senza una ricevuta fiscale ??…..

  4. MARCO scrive:

    Vorrei un’informazione . La detrazione è possibile anche nel caso si tratti di una ristrutturazione seguita ad un sinistro ( incendio ) coperto da assicurazione ?
    Il condominio ( 6 appartamenti ) deve ricostruire il tetto , costo totale dell’opera risarcito dall’assicurazione 112.000 euro più iva, più costi professionisi vari 20.000 euro . Si può godere del beneficio della detrazione ?

    • Umberto AnitoriUmberto Anitori scrive:

      I benefici sulle ristrutturazioni non pongono condizioni sulle cause che hanno determinato gli interventi e d’altro canto non essendo la polizza globale fabbricati obbligatoria è scontato che non può esserci incompatibilità con la detrazione fiscale.
      Umberto anitori

Page optimized by WP Minify WordPress Plugin