Salve! Non sei ancora registrato al sito? Registrati. Se invece ti sei già registrato accedi.

Cass. Civ. Sez. III, 30/01/2012, n. 1289

Il decreto ingiuntivo notificato soltanto al condominio non è utilizzabile per l’esecuzione nei confronti del condomino se non viene notificato il titolo esecutivo anche al condomino stesso.

Senza voler modificare il regime di responsabilità solidale fra proprietari ed ente di gestione, la Corte di cassazione, con la sentenza numero 1289 del 30 gennaio 2012, ha accolto il ricorso di una signora che si era vista notificare un atto di precetto senza la preventiva notificazione del titolo esecutivo destinato al condominio.

Il Tribunale di Catania aveva respinto l’opposizione. Ora la terza sezione civile della Corte di Cassazione ha ribaltato il verdetto motivando che «esclusa la solidarietà, la responsabilità del condomino è solo parziale in proporzione alla sua quota, anche nei rapporti esterni)». Tuttavia, «anche sotto l’erroneo presupposto che il titolo esecutivo ottenuto contro il condominio possa essere fatto valere in executivis contro il singolo condomino quale preteso obbligato in solido, il precetto, intimato a tal fine allo stesso condomino, non avrebbe comunque potuto prescindere dalla notificazione, preventiva o contestuale, del decreto ingiuntivo emesso nei confronti dell’ente di gestione, ancorché detta ingiunzione fosse risultata del tipo ex art. 654, 2°comma, cod. proc. civile.

È evidente, infatti, che, se una nuova notificazione del titolo esecutivo non occorre per il destinatario diretto del decreto monitorio nell’ipotesi di cui all’art. 654, 2° comma, cod. proc. civ., detta notificazione, invece, è necessaria qualora si intenda agire contro soggetto, non indicato nell’ingiunzione, per la pretesa sua qualità di obbligato solidale.

In allegato: copia integrale della Sentenza.

  12.01.30-Cassazione-1289-Decreto-Ingiuntivo-al-Condominio-Precetto-al-condomino-illegittimo.pdf (758,5 KiB, 647 download)

 

The following two tabs change content below.
Umberto Anitori

Umberto Anitori

Grande esperto nell’amministrazione di condomini, professione che svolge in Viterbo e a Roma da oltre 20 anni. E’ docente incaricato nei corsi di formazione delle primarie associazioni di categoria e per gli enti di formazione accreditati. Consulente immobiliare per numerose aziende di primaria importanza è oggi professionista accreditato al Ministero dello Sviluppo Economico e delle Infrastrutture; al Censis “Istituto di ricerche socio economico” e nelle varie realtà legate agli uffici studi e di sviluppo. Già segretario nazionale dell’ANACI ha al suo attivo numerose pubblicazioni che riguardano la materia dei condomini e la loro amministrazione oltre a partecipazione a programmi televisivi di approfondimento nelle reti Rai e Mediaset. Svolge oggi il ruolo di capo redattore della testata condominio.it coadiuvato da uno staff di legali, tecnici ed esperti del settore.
Scritto il 8/02/2012 da Umberto Anitori | 0 Commenti
Rubriche: Cassazione, News, Sentenze

Page optimized by WP Minify WordPress Plugin