disabili

Non serve la maggioranza prevista dall’articolo 1120 del codice civile

Con la legge n. 13 del 1989, all’articolo 2, comma 1, è stata prevista l’eliminazione delle barriere architettoniche in condominio, e un abbassamento del quorum richiesto per l’innovazione.

Di conseguenza non deve essere raggiunta la maggioranza stabilita dall’articolo 1120 del codice civile per deliberare l’istallazione dell’ascensore destinato a residenti disabili.

Ciò è stato stabilito dalla Corte di Cassazione con sentenza n.18334  del 2012: “l’articolo 2, comma 1, della legge 13/1989 per l’eliminazione delle barriere architettoniche prevede un abbassamento del quorum richiesto per l’innovazione“.

La fattispecie concreta

Si trattava di un condomino che aveva impugnato una delibera dell’assemblea, che autorizzava l’istallazione di un ascensore, chiedendo di dichiararla nulla, in quanto l’intervento sarebbe stato approvato con maggioranza inferiore a quella prevista dall’articolo 1120 del codice civile.

Inoltre, l’installazione aveva ridotto lo spazio necessario al passaggio dei mezzi di soccorso, aveva rovinato l’aspetto architettonico dell’immobile, violato le norme antincendio ed aveva reso buia la prima rampa di scale, il tutto creando anche un deprezzamento del caseggiato.

La decisione del Giudice in primo grado

Il Giudice di prime cure, accolse la richiesta dell’attore, e condannava il Condominio ad eliminare l’ascensore.

Il Condominio presentò ricorso, sostenendo che vi era stata un’applicazione sbagliata dell’articolo dell’articolo 1120, secondo comma, codice civile, in quanto l’istallazione di un ascensore, necessario a condomini anziani e disabili, non può essere vietata, secondo le normative relative le barriere architettoniche, e tanto meno essere considerata causa di degradazione del decoro estetico dell’edificio.

La conclusione della Corte d’Appello

La Corte di Appello respinse il ricorso, sostenendo che nel verbale dell’assemblea condominiale non si parlava di superamento di barriere architettoniche, ma solo di istallazione di un ascensore.

Evidenziava anche, che il condominio, non aveva dato nessuna prova che dimostrasse la residenza nel fabbricato di persone disabili o portatori di handicap.

© condominio.it – tutti i diritti riservati

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento