Assemblea condominiale,Cassazione,Curiosità,Giudici,Leggi e normative,Parti comuni,Sentenze,Vivere il condominio

Furto in condominio agevolato dai ponteggi – Prima Parte

mercoledì 19 luglio , 2017

furto in condominio

Se il furto nell’edificio condominiale è agevolato dai ponteggi, chi ne risponde?

Se in condominio si verifica un furto, la giurisprudenza è ormai unanime e consolidata (Cassazione, sentenza n. 1890 del 2013), per quanto riguarda l’attribuzione della responsabilità, eventualmente all’impresa appaltatrice, nell’ipotesi di furto consumato da persone che siano entrate in un appartamento attraverso i ponteggi installati per i lavori di restauro o manutenzione dello stabile, oppure al condominio o al singolo condomino che ha subito il fatto.

Il caso trattato dalla Corte di Cassazione

La fattispecie analizzata dalla Cassazione, si caratterizzava per la particolarità e per la conclusione della Corte d’Appello.

Infatti, il giudice di secondo grado, sulla base dello studio delle circostanze del fatto, ha dato rilievo ad elementi mai presi in considerazione fino a quel momento, anche se previsti dalla normativa, al fine di escludere la responsabilità.

Si tratta di un comportamento colposo del condomino vittima del furto, dovuto alla mancata adozione di cautele per la conservazione dei gioielli rubati, circostanza che avrebbe dunque agevolato, e  non evitato l’evento.

Il condomino e il comportamento colposo

E in particolare il condominio, vittima del furto, aveva votato la delibera con la quale il condominio decideva di non applicare sui ponteggi l’impianto antifurto perché ritenuto oneroso.

Soprattutto questo elemento, è stato considerato determinante per la decisione, con conseguente esclusione di ogni responsabilità, non solo in capo all’impresa esecutrice dei lavori, ma anche del condominio.

L’eventuale responsabilità del condominio e dell’impresa

Il condominio, in base alla decisione adottata, avrebbe potuto essere considerato l’unico responsabile del furto, ai sensi dell’articolo 1227 codice civile, e sarebbe stata diminuita, solo sulla base del comportamento colposo del condomino che non conservava adeguatamente i propri valori.

Invece all’impresa che effettuava i lavori, in quanto si è limitata ad eseguire un ordine  dal condominio, non poteva comunque essere imputato alcun profilo di responsabilità.

Al contrario, nel caso di specie, l’adesione del condomino alla delibera condominiale, ha determinato l’annullamento della responsabilità del condominio.

Il condomino infatti, votando a favore della decisione del condominio di non installare sui ponteggi alcun impianto antifurto, si era assunto il rischio di poter subire un furto stesso.

© condominio.it – tutti i diritti riservati

 

 

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento