amministratori di condominio

L’amministratore può notificare il decreto ingiuntivo a se stesso?

venerdì 9 febbraio , 2018

La decisione del Tribunale di Milano

Il Tribunale di Milano, con recente sentenza, ha stabilito che l’amministratore non può notificare a se stesso il decreto ingiuntivo per la riscossione dei pagamenti, in quanto si tratta di un conflitto di interessi, e per la validità della notifica, è necessaria la nomina di un curatore speciale.

Il Tribunale accoglieva l’opposizione all’esecuzione di un condominio, accertando l’inesistenza della notifica del decreto ingiuntivo ottenuto dall’amministratore.

La fattispecie concreta

Il tutto ebbe inizio con la notifica di un atto di precetto, da parte dell’unico erede dell’amministratore, sulla base di decreto ingiuntivo notificato al condominio, per fatture emesse dall’amministratore, per l’attività svolta in favore del condominio stesso.

Il condominio fece opposizione al precetto, in quanto ritenne di non aver avuto conoscenza del decreto ingiuntivo, e che doveva comunque ritenersi nullo, visto il conflitto d’interessi, dovuto al fatto che il decreto è stato richiesto dall’amministratore, quando era ancora in carica e allo stesso notificato. Il condominio, sosteneva  l’inesistenza della notifica del decreto ingiuntivo, in quanto eseguita dall’amministratore del condominio a se stesso, presso il proprio indirizzo di residenza.

Insistente il decreto ingiuntivo notificato dall’amministratore a se stesso

Questo orientamento venne già affermato dalla Cassazione con sentenza n.  19149 del 2014, il Tribunale  di Milano, sottolineava inoltre che la notifica del decreto ingiuntivo, in base al quale è stato poi notificato il precetto, “è avvenuta ad un soggetto in palese conflitto di interessi, essendo in realtà necessaria (al fine della ricezione del decreto ingiuntivo) la nomina di un curatore speciale del condominio“.

La notifica del decreto ingiuntivo allo stesso ricorrente deve, “ritenersi inesistente in quanto effettuata a persona in palese conflitto di interessi ed in luogo che (con riferimento alla specifica notificazione che viene qui in rilievo) non è in alcun modo riconducibile al destinatario dell’atto“.

© condominio.it – tutti i diritti riservati

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento