Imposte e tasse,Regole e adempimenti

Imu: l’acconto di giugno si paga con aliquota base

martedì 3 Aprile , 2012

Un emendamento depositato alle Commissioni Bilancio e Finanze del Senato ha contribuito a far chiarezza sulla spinosa questione dell’acconto IMU del prossimo mese di giugno: per l’anno 2012, la prima rata ammonterà al 50% dell’importo ottenuto con l’applicazione delle aliquote base e delle detrazioni previste. La stangata tanto temuta pare quindi essere rinviata alla seconda rata, cui verranno applicate le nuove aliquote, e che includerà anche il conguaglio sulla prima rata.

L’intervento contribuisce a sanare per tempo una situazione che, come segnalato qualche giorno fa dai CAF, poteva creare forti problemi, legati alla mancanza di indicazioni. In particolare, le proposte dai CAF erano rappresentate da una proroga del pagamento o dalla possibilità di pagare con l’applicazione delle aliquote base, soluzione quest’ultima su cui alla fine si è orientato il governo. Quest’ultimo provvederà poi, entro il 31 luglio 2012, alla modifica di aliquote e detrazioni, che i Comuni avranno successivamente modo di declinare, entro i limiti previsti, entro il 30 settembre.

Prende dunque forma il ritorno della tassa sulla prima casa che l’esecutivo guidato da Silvio Berlusconi aveva abolito. Gli interrogativi sull’imposta permangono, considerata la stagnazione che regna nel mercato immobiliare e i possibili effetti depressivi connessi al ritorno di una tassa che per molti era ormai considerata un ricordo. È importante tuttavia sottolineare come la stretta creditizia in atto sul fronte mutui casa e la sostanziale insensibilità delle quotazioni immobiliari allo scenario economico hanno a nostro avviso un’influenza significativamente maggiore sul numero di transazioni.

   , ,

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento