E’ possibile portare animali in ascensore?

In merito alla possibilità di portare animali in ascensore da parte dei padroni – condomini, a seguito della Legge di riforma n. 220 del 2012, è iniziato un acceso dibattito anche in relazione all’articolo 1138, ultimo comma del codice civile.

Questo ultimo comma, prevede che le norme del regolamento assembleare, non possono vietare ai condomini di avere animali domestici; si fa riferimento al regolamento assembleare, il quale sia stato approvato in conformità alle maggioranze previste.

Animali domestici in ascensore, cosa prevedono i regolamenti

In caso di regolamento contrattuale, per il quale è richiesta l’approvazione di tutti i condomini, può limitare i diritti dei singoli sulle parti comuni e di proprietà esclusiva, non deve però derogare al contenuto dell’ultimo comma dell’articolo 1138 codice civile: le norme del regolamento non possono limitare i diritti del singolo condomino, se indicati negli atti di acquisto e nelle convenzioni, e in nessun caso possono derogare a una serie di norme puntualmente elencate.

Animali domestici in ascensore, il quadro normativo

L’articolo 1102 del codice civile, relativo all’uso della cosa comune, prevede che ciascun partecipante possa utilizzarla, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri di farne uso in base al loro diritto.

Importante è il contenuto dell’articolo 17 d.p.r. n. 162 del ‘99, che vieta l’utilizzo dell’ascensore del montacarichi ai minori di anni 12, se non accompagnati da persone adulte,  ma non fa previsioni in merito agli animali.

Sulla base di queste norme, i condomini proprietari di animali domestici, reputano illegittime le clausole che escludono l’uso dell’ascensore agli animali, in quanto il bene viene utilizzato conformemente alla sua destinazione.

Animali domestici in ascensore, conclusione

Le varie norme vanno comunque valutate di volta in volta in relazione al caso concreto, infatti  la conclusione che si può trarre non è pacifica, una recente sentenza dal Tribunale di Monza del marzo 2017, pronunciata a seguito dell’impugnazione per nullità di una clausola del regolamento, che prevedeva sia il divieto dell’uso dell’ascensore ai proprietari accompagnati dal proprio animale domestico, sia sanzioni in caso di mancata osservanza.

Il Tribunale ha affermato la validità della clausola, confermando la tesi del condominio – convenuto, il quale sosteneva che il regolamento non impediva agli inquilini di possedere animali domestici, ma solo di utilizzare l’ascensore, bene comune, per il loro trasporto.

© condominio.it – tutti i diritti riservati

 

 

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento