Parti comuni

Si posso lasciare scarpe e spazzatura sul pianerottolo?

mercoledì 28 marzo , 2018

Principio cardine della vita in condominio, è che i condomini possono servirsi degli spazi comuni, sempre che non ne alterino la destinazione d’uso.

Talvolta capita che alcuni condomini lascino sacchetti della spazzatura fuori dalla porta, in attesa di essere buttati, oppure altri lasciani le scarpe sullo zerbino di casa.

Come ci si può tutelare in queste situazioni?

Gli spazi comuni dell’edificio: scale, androne, pianerottoli, giardino, portone d’ingresso, ecc…, secondo la legge, appartengono a tutti i condomini, i quali possono liberamente farne uso, anche per scopi privati, ma vi sono due limitazioni, ossia: non impedirne il pari uso agli altri e non alterarne la destinazione d’uso.

In merito al primo aspetto, si ritiene che non venga violato nel caso in cui lo spazio comune è talmente ampio da garantire a tutti l’utilizzo.

Il secondo divieto, è quello che deve essere valorizzato nel caso affrontato. Infatti lasciare la spazzatura davanti alla porta di casa comporta un impiego dello spazio comune, nello specifico il pianerottolo, contrario alla sua destinazione d’uso. Esso rappresenta un luogo di accoglienza per i proprietari degli appartamenti ma anche per i loro ospiti.

Il pianerottolo non deve dunque essere considerato un ripostiglio dove collocare la bicicletta, la spazzatura, le scarpe o altro.

L’orientamento della giurisprudenza

La Corte di Cassazione ha stabilito la possibilità di un’azione di risarcimento del danno nei confronti di chi lascia la spazzatura sul pianerottolo di casa.

Si tratta infatti di una violazione del codice civile e della destinazione d’uso dello spazio comune, in cui non ha importanza l’entità della molestia olfattiva provocata, e neppure se il sacchetto dell’immondizia contiene materiale organico o solo carte e vetri, ma è l’azione in se, che modifica la funzione dello spazio comune.

Non è dunque possibile affermare che il singolo condomino è libero di fare sul proprio pianerottolo ciò che gli pare, in quanto“pertinenza” del proprio appartamento.ù

© condominio.it – tutti i diritti riservati

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento