condominio,Liti di condominio

Il vicino fa troppo rumore? – Prima Parte

giovedì 29 marzo , 2018

Il comportamento rappresenta disturbo della quiete pubblica

Perché si configuri il reato di cui all’articolo 659 del codice penale Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone –  il superamento della soglia di tollerabilità, non viene verificato attraverso una perizia o una consulenza tecnica.

Infatti risulta essere sufficiente il fatto che l’evento sia potenzialmente idoneo ad arrecare oggettivamente disturbo alla collettività.

Gli elementi di prova a sostegno di detta situazione, possono essere vari, come le dichiarazioni di chi sia in grado di riferire le caratteristiche e gli effetti dei rumori percepiti.

La tendenza della giurisprudenza di Cassazione

La Suprema Corte di Cassazione, con la sentenza n. 9361 del 2018, ha confermando la condanna a 100 euro di ammenda nei confronti dell’imputato, responsabile del reato di cui all’articolo 659 del codice penale, in quanto aveva disturbato il riposo dei condomini mediante rumori, urla e schiamazzi durante l’orario notturno all’interno di un edificio condominiale.

Per la Cassazione scatta il reato sopra citato, se l’evento è potenzialmente idoneo a disturbare la collettività, non essendo necessaria una perizia o una consulenza, che affermi il superamento della soglia di tollerabilità

Davanti ai giudici di legittimità, il condomino imputato sosteneva che nei gradi precedenti, non si fosse verificato il livello di tollerabilità dei rumori prodotti, e neppure la loro idoneità ad arrecare disturbo a un numero indeterminato di persone.

Articolo 659 codice penale: reato di pericolo presunto

La Corte di Cassazione, continuava sottolineando che il reato previsto dall’articolo 659, comma 1, del codice penale, è un reato di pericolo presunto, il cui perfezionamento si ha nel momento in cui le emissioni sonore siano potenzialmente idonee a disturbare le occupazioni o il riposo di un numero indiscriminato di persone secondo il parametro della normale tollerabilità, indipendentemente da quanti se ne possano in concreto lamentare.

E la ratio della fattispecie di reato, è la tutela della pubblica quiete, evitando il disturbo ad una pluralità di soggetti.

© condominio.it – tutti i diritti riservati

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento