Assemblea condominiale

Chi viene convocato in assemblea  in caso di immobile cointestato? – Prima Parte

mercoledì 20 Giugno , 2018

Cosa prevede la riforma del 2012

Con la riforma del condominio del 2012, è stato chiarito come si deve agire in caso di convocazione dell’assemblea condominiale, quando l’immobile sia intestato a più soggetti.

L’articolo 1136 del codice civile, prevede che “L’assemblea non può deliberare, se non consta che tutti gli aventi diritto sono stati regolarmente convocati“.

Si tratta di una previsione più ampia rispetto alla precedente, che stabiliva la convocazione “di tutti i condomini“, ad oggi si evidenzia la necessità  di chiamare a partecipare tutti coloro che vantano un diritto sul bene in condominio.

La delibera dell’assemblea

L’assemblea non potrà deliberare in mancanza della constatazione,della regolare chiamata a partecipare di tutti coloro che hanno diritto a essere presenti.

Ai sensi dell’articolo 66 disp. att. al codice civile, infatti l’omessa, tardiva o incompleta convocazione degli aventi diritto, avrà come conseguenza l’annullabilità, a norma dell’articolo 1137 del codice civile, della delibera assembleare, su istanza dei dissenzienti o assenti perché non ritualmente convocati.

L’avviso di convocazione dell’assemblea

Da ciò si desume che l’avviso di convocazione dell’assemblea, contenente l’ordine del giorno, dovrà essere comunicato a tutti i cointestatari almeno cinque giorni prima della data fissata per l’adunanza in prima convocazione, a mezzo di posta raccomandata, posta elettronica certificata, fax o tramite consegna a mano, e dovrà contenere l’indicazione del luogo e dell’ora della riunione. L’avviso sarà fatto prevenire all’indirizzo indicato all’amministratore, oppure presso la propria residenza.

Convocazione dell’assemblea in caso di comunione

Nel caso in cui la proprietà o altro diritto reale spetta in comune a più persone,  l’articolo 67 disp. att. al codice civile, stabilisce che “qualora un’unità immobiliare appartenga in proprietà indivisa a più persone, queste hanno diritto a un solo rappresentante nell’assemblea, che è designato dai comproprietari interessati a norma dell’articolo 1106 del codice“.

Per la valida costituzione dell’assemblea, si intende necessario che a tutti i comproprietari vada inviato l’avviso di convocazione, affinché venga identificato colui che parteciperà alla riunione in rappresentanza di tutti.

© condominio.it – tutti i diritti riservati

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento