Parcheggi

Parcheggio abusivo in condominio

lunedì 23 luglio , 2018

In condominio i posti auto non sono mai sufficienti, perché gli edifici, molto spesso, sono costruiti senza sufficienti aree destinate al parcheggio, e perché le famiglie hanno più di una macchina.

La legge prevede in detti casi, che l’assemblea possa deliberare dei “criteri rotatori”, così da permettere ai vari condomini, di utilizzare l’area comune, a turno.

Cosa fare però in caso di parcheggio abusivo nel cortile del condominio? Il condominio non può prevedere la rimozione forzata dell’auto, ma è possibile chiedere il risarcimento del danno ed, eventualmente, sporgere querela per chi blocca l’uscita o l’entrata dal parcheggio.

Il parcheggio condominiale un’area privata, e non è possibile, chiamare il carro attrezzi, o la polizia per far portare via l’auto, che occupa il posto di un altro condomino o che impedisce il passaggio.

Il ruolo del regolamento di condominio

Il regolamento di condominio può prevedere una sanzione per chi parcheggia abusivamente in cortile, attraverso la rimozione del veicolo con addebito dei costi? Secondo la Corte di Cassazione no!

Vero è che l’amministratore può stabilire delle sanzioni nei confronti dei condomini che violano il regolamento; si tratta di sanzioni che possono avere solo natura pecuniaria, e non possono mai essere superiori a 200 euro (800 euro in caso di recidiva). E’ dunque ammessa la multa per chi è responsabile del parcheggio abusivo, ma non anche la sanzione della rimozione forzata dell’auto.

La tesi della Cassazione

Secondo la Suprema Corte, è illegittima la divisione del parcheggio tra i condomini secondo millesimi: ciascuno ha pari diritto all’uso della cosa comune.

Si può comunque procedere a una querela, in quanto secondo la giurisprudenza, occupare un parcheggio riservato è reato, per cui bloccare un passaggio a un’auto, parcheggiando la propria, fa scattare il reato di violenza privata.

Resta ferma la possibilità di chiedere il risarcimento del danno nei confronti di chi parcheggia in zona al di fuori degli spazi previsti ed in modo da costituire potenziale intralcio e/o pericolo.

© condominio.it – tutti i diritti riservati

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento