Regole e adempimenti

Rumori intollerabili in condominio – Prima Parte

giovedì 29 Novembre , 2018

Motivo di conflitto in condominio, molto spesso sono le immissioni rumorose provocate dal vicino di casa, pensiamo per esempio, se ha spostato la cucina sopra la camera da letto dei proprietari del piano inferiore.
E’ innanzitutto necessario precisare, che non si possono considerare intollerabili le immissioni sulla base del livello di rumorosità di fondo, calcolato nel solo ambiente sottostante alla proprietà del ricorrente e in condizioni di assoluto silenzio.
E’ necessario considerare altri elementi, quali il livello di rumorosità della zona, correttamente rilevata.
La Corte di Cassazione infatti, in tema di limite di tollerabilità delle immissioni rumorose dice che non è mai assoluto, ma ritiene che vada verificato con indagini che tengano conto di una molteplicità di fattori, tra cui la situazione locale.

La decisione della Cassazione

Con la sentenza n. 28201/2018, la Corte di Cassazione ha accolto il ricorso del proprietario di un immobile al quale i giudici di merito avevano intimato di interrompere i rumori.
I giudici avevano ritenuto fondata la domanda dei proprietari del piano inferiore che si erano lamentati delle immissioni rumorose provocate dall’intimato che aveva spostato la cucina nell’ambiente sovrastante la loro camera da letto.
Il ricorrente, sosteneva che i rumori oggetto del contendere, erano frutto delle normali attività di utilizzo dell’immobile, e la loro diffusione nelle proprietà sottostanti dipendeva dalla struttura dell’edificio.
Lo spostamento del vano cucina in corrispondenza della camera da letto non aveva alterato il carico acustico sulle proprietà sottostanti.

© condominio.it – tutti i diritti riservati

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento