Fisco e tributi

Iva al 22% sull’energia elettrica in condominio – Ultima parte

martedì 18 Dicembre , 2018

Le parti comuni non rientrano nell’uso domestico

L’Agenzia delle Entrate non condivide la versione dell’istante, in quanto l’applicazione dell’aliquota IVA del 10% riguarda la fornitura di “energia elettrica per uso domestico”.

Quando si parla di “uso domestico”, si fa riferimento alle sole ipotesi di impiego dell’energia nelle abitazioni familiari o in analoghe strutture a carattere collettivo caratterizzate dal requisito della “residenzialità”, con esclusione delle ipotesi in cui le medesime somministrazioni vengano erogate in strutture “non residenziali”, sia pubbliche che private.

La fatturazione

Nel Condominio la prestazione di fornitura di energia elettrica è fatturata distintamente per ciascuna unità immobiliare (sia a destinazione residenziale, sia a destinazione diversa), e la fornitura di energia elettrica per le parti comuni dei condomini è fatturata direttamente allo stesso condominio.

Le parti comuni non rispecchiano il requisito dell’uso domestico, così come definito dalle precedenti circolari dell’Agenzia, e la fornitura elettrica in relazione a tali parti, è finalizzata a essere impiegata esclusivamente in luoghi diversi dall’abitazione.

Le parti comuni di un edificio non possano essere destinati all’abitazione, e non consente di soddisfare il requisito dell’uso domestico richiesto dalla disposizione agevolativa di cui al numero 103) della Tabella A, Parte III, allegata al DPR n. 633 del 1972.

Prestazioni di servizi rilevanti a fini IVA

L’Agenzia delle Entrate non condivide l’affermazione secondo cui la somministrazione sarebbe resa nei confronti di un Ente, il Condominio, che non utilizza l’energia per l’esercizio di imprese o per effettuare prestazioni di servizi, rilevanti ai fini IVA.

Ciò si verificherebbe solo nel caso in cui i condomini effettuino prestazioni di servizi rilevanti ai fini IVA (locazione del campo da tennis, di locali condominiali ad uso commerciale, di parti comuni del condominio per fini pubblicitari).

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento