condominio

Fumo del vicino in condominio

mercoledì 19 Dicembre , 2018

Come ci si può tutelare se il vicino di casa installa una canna fumaria a pochi metri dalla propria finestra, tanto che le esalazioni arrivano dentro all’abitazione?

Molto spesso in condominio, non si possono rispettare le distanze minime, in quanto la fisionomia dell’edificio, non lascia spazio sufficiente tra i vari appartamenti.

E’ vero però che da un lato non si può impedire ai singoli condomini di posizionare tubi sulla facciata dell’edificio; dall’altro,se la struttura del palazzo non lo consente, è possibile derogare le distanze minime.

Le distanze minime per le canne fumarie

In tema di canne fumarie, visto il pericolo che rappresentano per la salute le relative esalazioni, la Corte di Cassazione ha infatti stabilito che esiste una “presunzione di pericolosità” che impone la costruzione delle stesse a una distanza di sicurezza dai vicini.

Questa distanza è fissata dai regolamenti comunali(di solito è di 1 metro o 1,5 metri). In mancanza di regolamentazioni locali,bisogna rispettare le distanze necessarie a preservare la proprietà del vicino da ogni danno alla salubrità e sicurezza.

L’orientamento della Cassazione

La Suprema Corte sottolinea: “Chi presso il confine, anche se su questo si trova un muro divisorio,vuole fabbricare forni, camini, magazzini di sale, stalle e simili, o vuol collocare materie umide o esplodenti o in altro modo nocive, ovvero impiantare macchinari, per i quali può sorgere pericolo di danni, deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, quelle necessarie a preservare i fondi vicini da ogni danno alla solidità, salubrità e sicurezza”.

Se il regolamento comunale prevede una distanza minima, questa è inderogabile; di conseguenza non sarà possibile posizionare la canna fumaria a distanza inferiore.

Se al contrario, non vi è una normativa in merito, dovrà essere fatta una valutazione in relazione al caso concreto, potendosi anche arrivare a meno di un metro e mezzo.

Chi realizza la tubatura dovrà dimostrare che la stessa non è pericolosa per i vicini ossia che, mediante opportuni accorgimenti, può ovviarsi al pericolo o al danno.

© condominio.it – tutti i diritti riservati

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento