condominio

Rumori in condominio – Ultima Parte

giovedì 4 Aprile , 2019

I rumori in condominio possono integrare un vero e proprio reato a norma dell’art. 659 c.p.: “Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone”.

Detto articolo punisce chi con schiamazzi, rumori, o abusando di strumenti sonori o di segnalazioni acustiche, disturba le occupazioni o il riposo delle persone.

La pena prevista è dell’arresto fino a tre mesi o l’ammenda fino a 309 euro; è prevista anche l’ammenda da 103 a 516 euro nei confronti di chi esercita una professione o un mestiere rumoroso contro le disposizioni della legge o le prescrizioni dell’Autorità.

Quando si configura il reato

Ogni rumore può costituire il reato di disturbo della quiete pubblica; infatti secondo la giurisprudenza, il reato si configura ove i rumori eccedano il limite della normale tollerabilità e siano virtualmente in grado di infastidire un numero indeterminato di persone.

Il legislatore vuole garantire la pubblica quiete, quindi i rumori dovranno essere talmente diffusi che l’evento di disturbo sia potenzialmente idoneo ad essere risentito da un numero indeterminato di persone, pur se poi concretamente solo taluna se ne possa lamentare.

In condominio i rumori dovranno arrecare pregiudizio e disturbo non solo agli “abitanti dell’appartamento sovrastante o sottostante la fonte di propagazione”, ma a una più consistente parte di occupanti l’edificio.

L’attività del giudice

Il giudice accerterà che le immissioni, per intensità, siano tali da travalicare l’ambito spaziale dell’abitazione immediatamente limitrofa, per accedere anche agli ambienti ulteriori, così determinando quella diffusività, anche solo potenziale, della lesione nella quale si realizza l’antigiuridicità penale della condotta.

Il giudice potrà fondare la sua decisione su elementi probatori di diversa natura, quali le dichiarazioni di coloro che sono in grado di riferire le caratteristiche e gli effetti dei rumori percepiti, accertando la diffusa capacità offensiva del rumore in relazione al caso concreto.

© condominio.it – tutti i diritti riservati

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento