condominio

Decreto crescita: i bonus previsti – Ultima parte

giovedì 9 Maggio , 2019

Per beneficiare del sisma bonus, è necessario che l’immobile sia ristrutturato o demolito e poi ricostruito, anche se questo comporta una variazione nei volumi, da parte di imprese edilizie che lo abbiano venduto nel termine di 18 mesi dal completamento delle opere.

Inoltre, fa riferimento alle spese che verranno sostenute dal 2019 al 2021, ed è possibile sostituire le detrazioni con uno sconto.

Ecobonus

L’art. 9 (Modifiche alla disciplina degli incentivi per gli interventi di efficienza energetica e rischio sismico) del decreto crescita tratta l’ecobonus, il quale introduce la possibilità per il soggetto che sostiene le spese per gli interventi di cui agli articoli 14 e 16 del decreto legge 4 giugno 2013 n. 63, di ricevere un contributo, anticipato dal fornitore che ha effettuato l’intervento, in forma di sconto sul corrispettivo spettante. Tale contributo è recuperato dal fornitore sotto forma di credito d’imposta, da utilizzare in compensazione, in cinque quote annuali di pari importo, senza l’applicazione dei limiti di compensabilità.

Quindi chi ha commissionato i lavori beneficia immediatamente di uno sconto pari al 65% dell’importo speso. Chi ha eseguito le opere potrà compensare con le imposte a suo carico, l’importo equivalente dello sconto, a titolo di credito d’imposta per i 5 anni successivi.

Fondo Garanzia Prima Casa

Il Fondo Garanzia Prima Casa è stato aumentato, così da erogare garanzie, soprattutto ai giovani che vogliono acquistare casa.

Nato con la legge di stabilità del 2014 questo Fondo,prevede garanzie “nella misura del 50% della quota capitale di mutui ipotecari di importo non superiore ad euro 250.000, connessi al solo acquisto, ovvero all’acquisto unitamente ad interventi di ristrutturazione con accrescimento di efficienza energetica, di unità immobiliari non di lusso, sito sul territorio nazionale, da adibire ad abitazione principale del mutuatario, che non deve essere proprietario di altri immobili ad uso abitativo.”

© condominio.it – tutti i diritti riservati

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento