Prodotti e Servizi,sicurezza in condominio

ASCENSORI SEMPRE PIU’ SICURI E INTELLIGENTI

sabato 23 Novembre , 2019

Come utilizzarlo, come manutenerlo, come migliorarne la fruibilità e la sicurezza. Parliamo dell’ascensore di condominio, senza dubbio il mezzo di trasporto più usato, forse più dell’automobile, che ci “solleva” da tante incombenze e fatiche quotidiane. Oltre a facilitare la mobilità di persone anziane, disabili o con invalidità temporanea.

La sicurezza e la fruibilità sono strettamente legate agli obblighi di manutenzione periodica che ogni amministratore di condominio deve assicurare.

La manutenzione degli ascensori prevede obbligatoriamente – secondo le indicazioni riportate dalla guida realizzata dall’Unione nazionale consumatori (Unc) in collaborazione con Anacam(Associazione Nazionale Imprese di Costruzione e Manutenzione Ascensori) –  “controlli periodici programmati la cui frequenza dipende dalle caratteristiche dell’impianto e dalla frequenza del suo utilizzo, verifiche almeno semestrali di tutti i dispositivi di sicurezza, verifiche biennali da parte dell’Ente incaricato. La manutenzione deve essere effettuata da una ditta qualificata (iscritta nel registro imprese della Camera di Commercio) che dispone dell’abilitazione ad operare sugli ascensori. La verifica biennale invece spetta all’Ente di controllo autorizzato”.

Nello specifico, gli ascensori costruiti dopo il 25 giugno 1999 (anno dell’adeguamento alla normativa europea, ndr) devono muoversi all’interno di vani preposti esclusivamente alla loro corsa, essere sottoposti a controllo finale o garanzia di qualità e devono riportare il marchio CE all’interno della cabina.

Negli anni, l’ascensore è diventato sempre più tecnologico. Basti pensare alle fotocellule “a barriera”, estese lungo tutta la lunghezza della porta, per prevenire l’urto contro le porte automatiche. L’innovazione tecnologica è servita anche a ridurre progressivamente i costi energetici, grazie a illuminazioni a basso consumo o l’adozione di inverter in abbinamento a motori moderni.

Un’ulteriore evoluzione da manutenzione “correttiva e preventiva” è quella predittiva, dove ad agire invece è il sistema IoT, Internet of things.

Pioniera della manutenzione intelligente applicata agli impianti di trasporto verticale è l’azienda leader mondiale nel settore KONE, che ha ideato KONE 24/7 Connected Services™, il sistema che, grazie all’intelligenza artificiale della piattaforma IBM Watson, usa metodi di rilevamento continuo dei dati di funzionamento di un impianto, li elabora e li utilizza per prevedere e prevenire i malfunzionamenti e velocizzare i tempi di intervento.

La tecnologia predittiva di KONE 24/7 Connected Services™, disponibile per qualsiasi impianto (e non solo su ascensori, tappeti e scale mobili prodotti dalla multinazionale), garantisce la massima sicurezza agli utenti e ai responsabili degli edifici, una maggiore affidabilità degli impianti e una sensibile diminuzione dei costi di manutenzione e riparazione.

Precisione, affidabilità e sicurezza significano tranquillità per chi gestisce un impianto e soddisfazione finale per chi lo usa.  Con KONE 24/7 Connected Services™ si possono avere tutti i vantaggi di una soluzione di manutenzione unica sul mercato, capace di prevedere e prevenire i malfunzionamenti, 24 ore su 24.

“L’ascensore è un mezzo di trasporto senza conducente, a larga diffusione e a disposizione di tutti – scrive Edoardo Rolla, Presidente Anacam nella Guida realizzata da UNC – Utilizzato in piena libertà, spesso si dimentica che è una macchina che richiede attenzione nell’uso e nella conservazione e che necessita di controlli periodici obbligatori. I manutentori prestano la massima cura nello svolgimento del proprio lavoro per preservare le condizioni di efficienza, ma questo non esime l’utente da un uso corretto e responsabile e da un aggiornamento alle nuove tecnologie”. E le nuove tecnologie si possono sintetizzare in un’unica definizione: manutenzione intelligente. Ovvero il sistema che previene, prevede e risolve.

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento