condominio

SPESE CONDOMINIALI E LEGATO – PRIMA PARTE

giovedì 6 Febbraio , 2020

La Corte d’Appello di Brescia con  pronuncia n. 1725 del 2018  stabiliva un principio in tema di spese condominiali straordinarie, che gravavano su un immobile oggetto di legato, il cui impianto di riscaldamento era stato sottoposto a significative opere di riqualificazione.

La fattispecie

La legataria dell’immobile, dopo la morte del de cuius, doveva pagare delle importanti somme di denaro quali spese condominiali straordinarie, per la riqualificazione dell’impianto termico del condominio, dovute dal de cuius, poiché il condominio aveva accordato, con l’impresa, la rateizzazione decennale del costo delle opere anzidette.

Gli eredi successori a titolo universale, non si fecero carico delle predette spese ed, appellandosi all’art. 668 primo comma c.c., avevano risposto negativamente alle richieste, di regresso, avanzate dalla legataria.

A favore della legataria vi era il principio dell’irresponsabilità del legatario sancito dall’art. 756 cod. civ per cui lo stesso non risponde dei debiti ereditari, ma dall’altra vi era la circostanza che dette opere erano state deliberate oltre che eseguite, prima della morte del testatore.

La legataria si rivolse al Tribunale di Bergamo per conoscere le sorti delle spese condominiali straordinarie, approvate prima della morte del de cuius, rispetto alla cosa legata (l’immobile).

Così sia il Tribunale di Bergamo che la Corte d’Appello di Brescia, hanno avuto occasione di sancire un importante principio di diritto.

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento