condominio

Tra condomini si usa WhatsApp

giovedì 20 Febbraio , 2020

Il condominio rispecchia pienamente la società moderna, infatti da un’indagine fatta sulla quotidianità dei rapporti tra condomini e gli amministratori, emerge che la figura di quest’ultimo è sicuramente centrale, e viene interpellato nei casi più complicati e di solito i rapporti tra condomini sono buoni.

Secondo la ricerca il 30% dei condomini si incontra nel tempo libero (il 12,4% è coinvolto in attività di quartiere, il 2,4% organizza feste in condominio), assume inoltre rilievo la c.d. chat condominiale su Whatsapp, diventato un mezzo di comunicazione indispensabile anche nel vicinato per inviare avvisi, inviti, richieste e per interpellare l’amministratore.

In caso di lite, quasi il 50% degli amministratori riferisce di essere coinvolto “abbastanza spesso” dai suoi amministrati. Solo il 3,6% ha dichiarato di essere chiamato “di rado”. Atestimonianza del fatto che dell’amministratore ci si fida.

Le relazioni tra i condomini

Nel 62,8% dei casi i rapporti tra i condomini si definiscono “buoni”, mentre il 35,2% vive relazioni difficili con il resto degli abitanti del condominio e addirittura un 2% che non ha alcun tipo di relazione con i suoi vicini.

Il problema condominiale che si presenta con più frequenza riguarda rumori e odori (55,2%), liti per gli animali (31,2%), contrasti sulle spese condominiali (25%), l’attribuzione dei parcheggi (22,8%).

Condividi su:

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento