L’amministratore del condominio può impugnare la sentenza sfavorevole senza la preventiva autorizzazione dell’assemblea, ma deve ottenere la necessaria ratifica del suo operato da parte dell’assemblea stessa

21 Mar 2011
L’amministratore del condominio, potendo essere convenuto nei giudizi relativi alle parti comuni ma essendo tenuto a dare senza indugio notizia all’Assemblea della citazione e del provvedimento che esorbiti dai suoi poteri, ai sensi dell’art. 1131 secondo e terzo comma cod. civ., può costituirsi in giudizio e impugnare la sentenza sfavorevole senza la preventiva autorizzazione dell’assemblea, ma deve, in tale ipotesi, ottenere la necessaria ratifica del suo operato da parte dell’assemblea stessa, per evitare la pronuncia di inammissibilità dell’atto di costituzione ovvero di impugnazione. (Dichiara inammissibile, App. Roma, 09/01/2008) (altro…)

21 Mar 2011

Le deliberazioni con cui vengono stabiliti i contributi dovuti dai singoli condomini per far fronte alle spese condominiali legittimano la concessione del decreto ingiuntivo ai sensi dell’art. 63 disp.att.c.c.

Oneri condominiali

Le deliberazioni con cui vengono stabiliti i contributi dovuti dai singoli condomini per far fronte alle spese condominiali, con le quali, cioè, viene attualizzato l’obbligo dei singoli condomini di far fronte agli oneri condominiali stabiliti dalla legge, costituiscono titoli di credito del condominio e da sole, senz’altro, provano l’esistenza di… Leggi

21 Mar 2011

La rinuncia agli atti del giudizio da parte dell’attore in opposizione a decreto ingiuntivo determina l’estinzione del giudizio stesso

Oneri condominiali

La rinuncia agli atti del giudizio da parte dell’attore in opposizione a decreto ingiuntivo determina l’estinzione del giudizio stesso in assenza di un interesse sostanziale del creditore opposto alla prosecuzione del giudizio, interesse sussistente quando l’opposto si sia costituito ed abbia avanzato richieste di merito e non ravvisabile, al contrario,… Leggi

21 Mar 2011

La mancata indicazione dei condomini morosi è del tutto ininfluente sulla legittimità della delibera assembleare di approvazione del bilancio ai fini dell’emissione del decreto ingiuntivo

Oneri condominiali

La circostanza della eventuale inidoneità della delibera assembleare di approvazione del bilancio a consentire l’emissione di un decreto ingiuntivo nei confronti dei singoli condomini morosi, in quanto non nominativamente indicati, è ininfluente sulla legittimità della deliberazione stessa, non potendosi individuare una irregolarità neppure formale del bilancio in relazione alla stessa… Leggi

21 Mar 2011

Nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo il giudice, qualora riconosca fondata una eccezione di pagamento formulata dall’opponente deve revocare ” in toto” il decreto opposto

Oneri condominiali

Nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, che nel sistema delineato dal codice di procedura civile si atteggia come un procedimento il cui oggetto non è ristretto alla verifica delle condizioni di ammissibilità e di validità del decreto stesso, ma si estende all’accertamento, con riferimento alla situazione di fatto esistente… Leggi

21 Mar 2011

L’amministratore può chiedere il decreto ingiuntivo ai sensi dell’art. 63 delle disp. att. del c.c. a condizione che il bilancio sia stato approvato

Oneri condominiali

Il ricorso da parte dell’amministratore del condominio al procedimento monitorio ai sensi dell’articolo 63 delle disposizioni di attuazione del c.c., nei confronti del condomino moroso in base al preventivo delle spese approvato dall’assemblea postula (avuto riguardo alla natura eccezionale della norma e al fatto che il decreto ingiuntivo presuppone l’esistenza… Leggi

21 Mar 2011

Legittimazione dell’amministratore ad agire in via monitoria contro il condomino moroso

Oneri condominiali

L’amministratore di un condominio è legittimato ad agire – ed a chiedere, perciò, l’emissione del decreto ingiuntivo previsto dall’art. 63 disp. att. cod. civ. – contro il condomino moroso per il recupero degli oneri condominiali, una volta che l’assemblea condominiale abbia deliberato sulla loro ripartizione, nonostante la mancanza dell’autorizzazione a… Leggi

21 Mar 2011

La notifica dell’opposizione a decreto ingiuntivo si perfeziona al momento della consegna dell’atto all’ufficiale giudiziario

Oneri condominiali

A seguito delle decisioni della Corte costituzionale n. 477 del 2002, nn. 28 e 97 del 2004 e 154 del 2005 ed in particolare dell’affermarsi del principio della scissione fra il momento di perfezionamento della notificazione per il notificante e per il destinatario, deve ritenersi che la notificazione si perfeziona… Leggi

21 Mar 2011

il giudice non ha il potere di disporre la sospensione della causa di opposizione a decreto ingiuntivo per oneri condominiali, in relazione alla pendenza del giudizio in cui sia stata impugnata la relativa delibera condominiale

Oneri condominiali

Il giudizio di opposizione al decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo, ottenuto per il pagamento dei contributi condominiali, non può essere sospeso in attesa della definizione del giudizio di impugnazione della deliberazione assembleare posta a base del provvedimento monitorio opposto perché le disposizioni dettate per il condominio si pongono con carattere derogatorio… Leggi

21 Mar 2011

Nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, il giudicante ha l’obbligo di pronunciarsi sul merito della domanda sulla base delle prove offerte dal creditore

Oneri condominiali

Nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, il giudicante ha l’obbligo di pronunciarsi sul merito della domanda sulla base delle prove offerte dal creditore, non potendo decidere la controversia alla luce del solo materiale probatorio prodotto al momento della richiesta di ingiunzione. (Nella fattispecie, la S.C. ha cassato la sentenza… Leggi